Alimentazione

DIETA CORRETTA… PREVENZIONE PERFETTA!

Una dieta corretta associata a uno stile di vita attivo rappresenta un validissimo strumento di prevenzione per molte malattie, e di gestione e trattamento in molte altre. Secondo l’OMS, ad esempio, sono quasi tre milioni le vite che si potrebbero salvare ogni anno nel mondo grazie a un consumo sufficiente di frutta e verdura fresca.
La proporzione dei tipi di alimenti e la qualità dei cibi che mangiamo sono alla base di uno sviluppo umano completo, sia fisico che mentale. In ambito oncologico la relazione tra cibo e salute sta acquistando negli anni sempre più importanza. Oggi grazie a numerosi studi scientifici pubblicati sappiamo infatti, con certezza, che esiste una precisa relazione tra dieta e cancro, tanto che le maggiori organizzazioni scientifiche affermano con ragionevole certezza che una dieta sana ed equilibrata è in grado di ridurre fino a oltre il 30% il rischio di avere un tumore.
Ciò significa che un’ampia percentuale dei tumori potrebbe essere prevenuta “semplicemente” seguendo una dieta corretta e scegliendo in maniera attenta e mirata gli alimenti che la compongono. Sono molti gli studi che evidenziano da una parte il ruolo svolto da alcuni cibi nel contribuire allo sviluppo di determinate forme di cancro, e dall’altra la capacità per altri di ridurre il rischio che questi si formino. Ma cosa si intende per sana e corretta alimentazione? A cosa ci riferiamo quando parliamo di dieta equilibrata? La nostra dieta per poter essere considerata sana deve prevedere un’ampia varietà di alimenti, deve garantire il giusto apporto di tutti i nutrienti indispensabili per l’organismo, nella giusta proporzione. Il modello alimentare mediterraneo è ritenuto, grazie a numerose evidenze scientifiche, uno dei più efficaci per la protezione della salute ed è anche uno dei più vari e bilanciati che si conoscano. La dieta mediterranea presenta un equilibrio ottimale sia qualitativo che quantitativo dei diversi nutrienti. Questo modello alimentare si basa prevalentemente sul consumo di prodotti di origine vegetale come cereali integrali e derivati, legumi, verdura e frutta di stagione; un moderato consumo di prodotti animali, fatta eccezione per il pesce (da preferire quello azzurro e di piccola taglia) e l’utilizzo di olio extravergine di oliva come principale grasso da condimento insieme a spezie ed erbe aromatiche per limitare l’utilizzo del sale. Ci sono poi, altri aspetti caratteristici del modello alimentare mediterraneo che spesso, a causa dei ritmi sempre più stressanti che il nostro tempo ci impone, vengono tralasciati e che sono invece un completamento essenziale per uno stile di vita sano. Parliamo di convivialità, cioè la gioia di condividere il pasto con altre persone, la stagionalità dei cibi che mangiamo e la preparazione dei cibi in casa, mentre oggi tendiamo a cucinare sempre meno (perdendo il contatto diretto con il cibo) e a consumare tutto in qualsiasi stagione.
Come detto, ciò che mangiamo può incidere in modo positivo o negativo sulla nostra salute.
Per potersi orientare nelle scelte alimentari migliori per la prevenzione oncologica abbiamo a disposizione alcune principi guida che trovano le loro basi scientifiche nelle raccomandazioni del 2007 del Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro/American Institute for Cancer Research (WCRF/AICR) e nel Codice Europeo Contro il Cancro del 2014 realizzato dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) e che l’Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS insieme alla Direzione Prevenzione, Sicurezza alimentare, Veterinaria della Regione Veneto, hanno tradotto e calato nella realtà veneta (allegato).
Questi organismi internazionali e autorevoli dal punto di vista scientifico, consigliano di: basare l’alimentazione prevalentemente su cibi vegetali (cereali integrali, verdure, legumi, frutta); limitare l’uso delle carni rosse ed evitare l’assunzione abituale di carni conservate (es. insaccati); limitare fortemente il consumo di zuccheri, in particolare bibite zuccherate e prodotti di pasticceria; limitare le bevande alcooliche (1 bicchiere di vino da 125ml al giorno per le donne e 2 per gli uomini sempre consumati durante il pasto); evitare il più possibile cibi industriali, che sono ad alta densità calorica; introdurre tutti nutrienti necessari al nostro organismo attraverso il cibo e non da integratori.


CONSIGLI PRATICI
Immagina il tuo pasto come se fosse un piatto e segui questi semplici consigli:

Componi la parte principale del tuo pasto con verdure (metà del tuo piatto): Mira al colore e alla varietà e ricorda che le patate non contano come verdura perché sono ricche di amido.

Prediligi cereali integrali – (un quarto del tuo piatto): I cereali integrali (non raffinati) come frumento integrale, orzo mondo (integrale), avena decorticata, riso integrale, farro decorticato, miglio ecc., e i loro derivati, come la pasta di frumento integrale, oltre a fornire energia (carboidrati), forniscono anche fibre, antiossidanti, vitamine, sali minerali e aumentano in misura minore lo zucchero nel sangue e l’insulina, rispetto al pane bianco, al riso bianco e ad altri cereali in chicchi raffinati.

Scegli bene le fonti proteiche – (un quarto) del tuo piatto: Legumi, pesce, pollame e frutta secca sono tutte fonti versatili di proteine – possono essere aggiunte alle insalate e si combinano bene con le verdure sul piatto. Limita la carne rossa ed evita le carni trasformate, come salumi e insaccati.
Condisci con olio extravergine d’oliva a crudo.
Bevi preferibilmente acqua e/o tisane non zuccherate: Evita le bevande dolci sia gassate che non.

LE VIRTÙ DELL’OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA
L’olio extra vergine di oliva è l’unico olio presente nella dieta mediterranea, richiamadone pienamente lo spirito e la cultura. Condimento noto ed apprezzato in tutto il mondo, l’olio extra vergine di oliva presenta tantissime virtù. L’apporto nutrizionale dell’alimento e le sue tante proprietà curative sono state dimostrate da molti studi scientifici: è ricco di antiossidanti (vit. E, acido oleico, polifenoli) e di sostanze con proprietà antinfiammatorie.
Anche quest’anno nel mese di marzo si terrà la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica – giunta ormai alla sua XVII° edizione – che, come di consueto, avrà come simbolo istituzionale l’olio extravergine di oliva.

 

A cura di: Daniele Nucci, Dietista, USD di Endoscopia Digestiva, Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS; Stefano Realdon, Medico Gastroenterologo, USD di Endoscopia Digestiva – Referente Progetto Prevenzione Primaria OECI, Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS